Ricevi aggiornamenti gratuiti tramite WhatsApp, scrivi “notizie ok” al + 39 392 22 80 224

Made Appalti

E' inammissibile rimodulare l'offerta nel corso della verifica dell'anomalia

violazione della par condicio e della tutela della concorrenza

TAR MILANO  ordinanza n. 956/2019

– nel corso della verifica di anomalia, l’aggiudicataria ha modificato il costo del materiale offerto, in quanto quello indicato ab origine in offerta riguardava un prodotto diverso da quello prescritto dalla disciplina di gara, ossia pietra ricostruita di basalto, in luogo di pietra di basalto;

– ciò determina un’inammissibile rimodulazione dell’offerta stessa, in palese violazione dei canoni nazionali e eurounitari di par condicio e tutela della concorrenza;

– per sostenere l’offerta del diverso prodotto, l’aggiudicataria ha modificato radicalmente, non solo l’utile previsto, ma anche l’incidenza delle spese generali, passate dal 15% al 7%, così superando le limitate correzioni consentite in sede di verifica di anomalia e senza offrire alcuna seria documentazione a supporto di una così marcata riduzione delle spese generali, con la precisazione che tale dato non è stato neppure chiarito dalla stazione appaltante;

– le giustificazioni addotte in ordine alle particolari e favorevoli condizioni economiche di reperimento della pietra di basalto, oltre ad essere state

formate dopo la richiesta di chiarimenti dell’amministrazione, non sono supportate da adeguata documentazione relativa all’effettiva praticabilità delle condizioni dedotte.

N. 00859-2019 REG.RIC.

Ti potrebbe interessare:

info@madeappalti.com
+ 39 392 22 80 224
Via Carlo Alberto dalla Chiesa, 54 – Poggiomarino

Metodi di pagamento
prova