Ricevi aggiornamenti gratuiti tramite WhatsApp, scrivi “notizie ok” al + 39 392 22 80 224

Made Appalti

CURIA – Ordinanza C-54-18

25/2/2019 CURIA – Documenti
http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?docid=210961&text=&dir=&doclang=IT&part=1&occ=first&mode=lst&pageIndex=0&cid… 1/11
ORDINANZA DELLA CORTE (Quarta Sezione)
14 febbraio 2019(*)
«Rinvio pregiudiziale – Appalti pubblici – Procedure di ricorso – Direttiva 89/665/CEE – Articoli 1 e 2
quater – Ricorso contro i provvedimenti di ammissione o esclusione degli offerenti – Termini di
ricorso – Termine di decadenza di 30 giorni – Normativa nazionale che esclude la possibilità di
eccepire l’illegittimità di un provvedimento di ammissione nell’ambito di un ricorso contro gli atti
successivi – Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea – Articolo 47 – Diritto ad una tutela
giurisdizionale effettiva»
Nella causa C‑54/18,
avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell’articolo
267 TFUE, dal Tribunale amministrativo regionale per il Piemonte (Italia), con ordinanza del 27
settembre 2017, pervenuta in cancelleria il 29 gennaio 2018, nel procedimento
Cooperativa Animazione Valdocco Soc. coop. soc. Impresa Sociale Onlus
contro
Consorzio Intercomunale Servizi Sociali di Pinerolo,
Azienda Sanitaria Locale To3 di Collegno e Pinerolo,
nei confronti di:
Ati Cilte Soc. coop. soc.,
Coesa Pinerolo Soc. coop. soc. arl,
La Dua Valadda Soc. coop. soc.,
Consorzio di Cooperative Sociali il Deltaplano Soc. coop. soc.,
La Fonte Soc. coop. soc. Onlus,
Società Italiana degli Avvocati Amministrativisti (SIAA),
Associazione Amministrativisti.it,
Camera degli Avvocati Amministrativisti,
LA CORTE (Quarta Sezione),
composta da M. Vilaras (relatore), presidente di sezione, K. Jürimäe, D. Šváby, S. Rodin e N. Piçarra,
giudici,
avvocato generale: M. Campos Sánchez-Bordona
cancelliere: A. Calot Escobar
vista la fase scritta del procedimento,
considerate le osservazioni presentate:
25/2/2019 CURIA – Documenti
http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?docid=210961&text=&dir=&doclang=IT&part=1&occ=first&mode=lst&pageIndex=0&cid… 2/11
– per la Cooperativa Animazione Valdocco Soc. coop. soc. Impresa Sociale Onlus, da A. Sciolla,
S. Viale e C. Forneris, avvocati;
– per il Consorzio Intercomunale Servizi Sociali di Pinerolo, da V. Del Monte, avvocato;
– per le società Ati Cilte Soc. coop. soc., Coesa Pinerolo Soc. coop. soc. arl e La Dua Valadda Soc.
coop. soc., da L. Gili e A. Quilico, avvocati;
– per il governo italiano, da G. Palmieri, in qualità di agente, assistita da C. Colelli e V. Nunziata,
avvocati dello Stato;
– per il governo dei Paesi Bassi, da M. Bulterman e J.M. Hoogveld, in qualità di agenti;
– per la Commissione europea, da L. Haasbeek, G. Gattinara e P. Ondrůšek, in qualità di agenti,
vista la decisione, adottata dopo aver sentito l’avvocato generale, di statuire con ordinanza motivata,
conformemente all’articolo 99 del regolamento di procedura della Corte,
ha emesso la seguente
Ordinanza
1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull’interpretazione dell’articolo 1, paragrafi 1 e 2, della
direttiva 89/665/CEE del Consiglio, del 21 dicembre 1989, che coordina le disposizioni legislative,
regolamentari e amministrative relative all’applicazione delle procedure di ricorso in materia di
aggiudicazione degli appalti pubblici di forniture e di lavori (GU 1989, L 395, pag. 3), come modificata
dalla direttiva 2014/23/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014 (GU 2014,
L 94, pag. 1) (in prosieguo: la «direttiva 89/665»), dell’articolo 47 della Carta dei diritti fondamentali
dell’Unione europea (in prosieguo: la «Carta») nonché dei principi di equivalenza e di effettività.
2 Tale domanda è stata presentata nell’ambito di una controversia tra la Cooperativa Animazione
Valdocco Soc. coop. soc. Impresa Sociale Onlus (in prosieguo: la «Cooperativa Animazione
Valdocco»), da una parte, e il Consorzio Intercomunale Servizi Sociali di Pinerolo (in prosieguo: il
«CISS di Pinerolo») e l’Azienda Sanitaria Locale To3 di Collegno e Pinerolo, dall’altra, in merito
all’assegnazione di un appalto pubblico di servizi di assistenza domiciliare ad un raggruppamento
temporaneo di imprese costituito dalle società Ati Cilte Soc. coop. soc., Coesa Pinerolo Soc. coop. soc.
arl e La Dua Valadda Soc. coop. soc. (in prosieguo: il «raggruppamento temporaneo di imprese
aggiudicatario»).
Contesto normativo
Il diritto dell’Unione
3 L’articolo 1, paragrafo 1, quarto comma, e paragrafo 3, della direttiva 89/665 così prevede:
«1. (…)
Gli Stati membri adottano i provvedimenti necessari per garantire che, per quanto riguarda gli appalti
disciplinati dalla direttiva 2014/24/UE [del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014,
sugli appalti pubblici e che abroga la direttiva 2004/18/CE (GU 2014, L 94, pag. 65),] o dalla direttiva
[2014/23], le decisioni prese dalle amministrazioni aggiudicatrici possano essere oggetto di un ricorso
efficace e, in particolare, quanto più rapido possibile, secondo le condizioni previste negli articoli da 2
a 2 septies della presente direttiva, sulla base del fatto che tali decisioni hanno violato il diritto
dell’Unione in materia di aggiudicazione degli appalti pubblici o le norme nazionali di recepimento».
(…)
25/2/2019 CURIA – Documenti
http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?docid=210961&text=&dir=&doclang=IT&part=1&occ=first&mode=lst&pageIndex=0&cid… 3/11
3. Gli Stati membri provvedono a rendere accessibili le procedure di ricorso, secondo modalità che
gli Stati membri possono determinare, a chiunque abbia o abbia avuto interesse a ottenere
l’aggiudicazione di un determinato appalto e sia stato o rischi di essere leso a causa di una presunta
violazione».
4 L’articolo 2 quater di tale direttiva, relativo ai «[t]ermini per la proposizione del ricorso», dispone
quanto segue:
«Quando uno Stato membro stabilisce che qualsiasi ricorso avverso una decisione presa da
un’amministrazione aggiudicatrice nel quadro di o in relazione ad una procedura di aggiudicazione di
un appalto disciplinata dalla direttiva [2014/24] o direttiva [2014/23] debba essere presentato prima
dello scadere di un determinato termine, quest’ultimo è di almeno dieci giorni civili a decorrere dal
giorno successivo alla data in cui la decisione dell’amministrazione aggiudicatrice è stata inviata
all’offerente o al candidato, se la spedizione è avvenuta per fax o per via elettronica, oppure, se la
spedizione è avvenuta con altri mezzi di comunicazione, di almeno quindici giorni civili a decorrere
dal giorno successivo alla data in cui la decisione dell’amministrazione aggiudicatrice è stata inviata
all’offerente o al candidato o di almeno dieci giorni civili a decorrere dal giorno successivo alla data di
ricezione della decisione dell’amministrazione aggiudicatrice. La comunicazione della decisione
dell’amministrazione aggiudicatrice ad ogni offerente o candidato è accompagnata da una relazione
sintetica dei motivi pertinenti. In caso di presentazione di un ricorso relativo alle decisioni di cui
all’articolo 2, paragrafo 1, lettera b), della presente direttiva che non sono soggette ad una notifica
specifica, il termine è di almeno dieci giorni civili dalla data della pubblicazione della decisione di cui
trattasi».
Il diritto italiano
5 L’articolo 120, comma 2-bis, dell’allegato I al decreto legislativo del 2 luglio 2010, n. 104 – Codice
del processo amministrativo (supplemento ordinario alla GURI n. 156, del 7 luglio 2010), nella
versione di cui all’articolo 204 del decreto legislativo del 18 aprile 2016, n. 50 – Codice dei contratti
pubblici (supplemento ordinario alla GURI n. 91, del 19 aprile 2016) (in prosieguo: il «codice del
processo amministrativo»), è così formulato:
«Il provvedimento che determina le esclusioni dalla procedura di affidamento e le ammissioni ad essa
all’esito della valutazione dei requisiti soggettivi, economico-finanziari e tecnico-professionali va
impugnato nel termine di trenta giorni, decorrente dalla sua pubblicazione sul profilo del committente
della stazione appaltante, ai sensi dell’articolo 29, comma 1, del codice dei contratti pubblici (…).
L’omessa impugnazione preclude la facoltà di far valere l’illegittimità derivata dei successivi atti delle
procedure di affidamento, anche con ricorso incidentale. È altresì inammissibile l’impugnazione della
proposta di aggiudicazione, ove disposta, e degli altri atti endo-procedimentali privi di immediata
lesività».
6 L’articolo 29 del decreto legislativo del 18 aprile 2016, n. 50 – Codice dei contratti pubblici, così come
modificato dal decreto legislativo del 19 aprile 2017, n. 56 (supplemento ordinario alla GURI n. 103,
del 5 maggio 2017; in prosieguo: il «codice dei contratti pubblici») prevede quanto segue:
«(…) Al fine di consentire l’eventuale proposizione del ricorso ai sensi dell’articolo 120, comma 2-bis,
del codice del processo amministrativo, sono altresì pubblicati, nei successivi due giorni dalla data di
adozione dei relativi atti, il provvedimento che determina le esclusioni dalla procedura di affidamento e
le ammissioni all’esito della verifica della documentazione attestante l’assenza dei motivi di esclusione
di cui all’articolo 80, nonché la sussistenza dei requisiti economico-finanziari e tecnico-professionali.
Entro il medesimo termine di due giorni è dato avviso ai candidati e ai concorrenti (…) di detto
provvedimento, indicando l’ufficio o il collegamento informatico ad accesso riservato dove sono
disponibili i relativi atti. Il termine per l’impugnativa di cui al citato articolo 120, comma 2-bis, decorre
dal momento in cui gli atti di cui al secondo periodo sono resi in concreto disponibili, corredati di
motivazione».
7 L’articolo 53, commi 2 e 3, del codice dei contratti pubblici dispone quanto segue:
25/2/2019 CURIA – Documenti
http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?docid=210961&text=&dir=&doclang=IT&part=1&occ=first&mode=lst&pageIndex=0&cid… 4/11
«2. Fatta salva la disciplina prevista dal presente codice per gli appalti secretati o la cui esecuzione
richiede speciali misure di sicurezza, il diritto di accesso è differito:
a) nelle procedure aperte, in relazione all’elenco dei soggetti che hanno presentato offerte, fino alla
scadenza del termine per la presentazione delle medesime;
b) nelle procedure ristrette e negoziate e nelle gare informali, in relazione all’elenco dei soggetti che
hanno fatto richiesta di invito o che hanno manifestato il loro interesse, e in relazione all’elenco
dei soggetti che sono stati invitati a presentare offerte e all’elenco dei soggetti che hanno
presentato offerte, fino alla scadenza del termine per la presentazione delle offerte medesime; ai
soggetti la cui richiesta di invito sia stata respinta, è consentito l’accesso all’elenco dei soggetti
che hanno fatto richiesta di invito o che hanno manifestato il loro interesse, dopo la
comunicazione ufficiale, da parte delle stazioni appaltanti, dei nominativi dei candidati da
invitare;
c) in relazione alle offerte, fino all’aggiudicazione;
d) in relazione al procedimento di verifica della anomalia dell’offerta, fino all’aggiudicazione.
3. Gli atti di cui al comma 2, fino alla scadenza dei termini ivi previsti, non possono essere
comunicati a terzi o resi in qualsiasi altro modo noti».
Procedimento principale e questioni pregiudiziali
8 Con decisione del 19 maggio 2017, il CISS di Pinerolo ha aggiudicato, secondo il criterio dell’offerta
economicamente più vantaggiosa, al raggruppamento temporaneo d’imprese aggiudicatario l’appalto
pubblico di servizi di assistenza domiciliare all’interno del suo ambito territoriale, per il periodo
compreso tra il 1º giugno 2017 e il 31 maggio 2020.
9 Una volta intervenuta l’aggiudicazione dell’appalto, la Cooperativa Animazione Valdocco, seconda
classificata, ha proposto dinanzi al giudice del rinvio, ossia il Tribunale amministrativo regionale per il
Piemonte (Italia), un ricorso di annullamento contro la decisione di assegnazione dell’appalto in
questione nonché contro i vari atti della procedura di gara, compresa la mancata esclusione del
raggruppamento temporaneo di imprese aggiudicatario, facendo segnatamente valere che, in difetto del
deposito di una cauzione provvisoria dell’importo richiesto e in mancanza della dimostrazione del
possesso dei requisiti di partecipazione, detto raggruppamento non avrebbe dovuto essere ammesso a
partecipare alla procedura di gara.
10 Il giudice del rinvio precisa che l’amministrazione aggiudicatrice e il raggruppamento temporaneo di
imprese aggiudicatario hanno eccepito l’irricevibilità del ricorso, per il motivo che era stato proposto
avverso la decisione di aggiudicazione definitiva. Orbene, conformemente al rito «super accelerato»
organizzato dal combinato disposto dell’articolo 29 del codice dei contratti pubblici e dell’articolo 120,
comma 2-bis, del codice del processo amministrativo, il ricorso della Cooperativa Animazione
Valdocco avrebbe dovuto essere proposto entro un termine di 30 giorni dalla comunicazione del
provvedimento di ammissione degli offerenti a partecipare alla procedura di gara d’appalto.
11 Tale giudice osserva, a tal riguardo, che l’introduzione del rito «super accelerato» d’impugnazione dei
provvedimenti di esclusione o di ammissione degli offerenti, di cui all’articolo 120, comma 2-bis, del
codice del processo amministrativo, risponde alla necessità di consentire la definizione della
controversia prima della decisione di aggiudicazione, determinando in maniera esaustiva i soggetti
ammessi a partecipare alla gara d’appalto in un momento antecedente all’esame delle offerte e alla
conseguente aggiudicazione.
12 Esso sottolinea, tuttavia, che tale rito «super accelerato» presenta alcuni profili di criticità, in
particolare alla luce del diritto dell’Unione.
13 In proposito, esso rileva, in primo luogo, che tale rito impone all’offerente che non sia stato ammesso
a partecipare alla gara d’appalto l’obbligo di impugnare il provvedimento di ammissione o di non
25/2/2019 CURIA – Documenti
http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?docid=210961&text=&dir=&doclang=IT&part=1&occ=first&mode=lst&pageIndex=0&cid… 5/11
esclusione di tutti gli offerenti, mentre, da un lato, in tale momento egli non può sapere chi sarà
l’aggiudicatario e, dall’altro, potrebbe egli stesso non trarre alcun vantaggio dal contestare
l’aggiudicazione, non essendo in posizione utile nella graduatoria finale. Detto offerente sarebbe quindi
costretto a promuovere l’azione giurisdizionale senza alcuna garanzia che tale iniziativa gli procurerà
una concreta utilità, obbligandolo al contempo ad assumere gli oneri connessi all’esperimento
immediato dell’azione.
14 Il giudice del rinvio osserva, poi, che l’offerente in tal modo obbligato a promuovere un’azione
secondo il rito «super accelerato» non solo non ha un interesse concreto e attuale, ma subisce altresì,
per l’applicazione dell’articolo 120, comma 2-bis, del codice del processo amministrativo, vari danni.
Il primo deriverebbe dai notevoli esborsi economici collegati alla proposizione di ricorsi plurimi. Il
secondo sarebbe legato alla potenziale compromissione della propria posizione agli occhi
dell’amministrazione aggiudicatrice. Il terzo sarebbe relativo alle nefaste conseguenze della sua
classificazione, dal momento che l’articolo 83 del codice dei contratti pubblici individua come
parametro di giudizio negativo l’incidenza dei contenziosi attivati dall’offerente.
15 Il giudice del rinvio precisa, infine, che il carattere eccessivamente gravoso dell’accesso alla giustizia
amministrativa viene inasprito ulteriormente dall’articolo 53 del codice dei contratti pubblici, il cui
terzo comma vieta ai funzionari pubblici o incaricati di un servizio pubblico di comunicare o
comunque rendere noti, a pena di sanzione penale, gli atti di gara, l’accesso ai quali è differito
all’aggiudicazione. Considerata la cogenza di tale divieto, i soggetti responsabili della procedura
sarebbero restii a divulgare, oltre al provvedimento di ammissione, la documentazione amministrativa
dei concorrenti, costringendo gli operatori economici a proporre ricorsi «al buio».
16 In tale contesto, il Tribunale amministrativo regionale per il Piemonte ha deciso di sospendere il
procedimento e di sottoporre alla Corte le seguenti questioni pregiudiziali:
1) Se la disciplina europea in materia di diritto di difesa, di giusto processo e di effettività
sostanziale della tutela, segnatamente, gli artt. 6 e 13 della [Convenzione europea per la
salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, firmata a Roma il 4 novembre
1950], l’art. 47 della Carta (…) e l’art. 1 Dir. 89/665/CEE[, paragrafi] 1 e 2 della Direttiva, ostino
ad una normativa nazionale, quale l’art. 120 comma 2 bis c.p.a., che impone all’operatore che
partecipa ad una procedura di gara di impugnare l’ammissione/mancata esclusione di un altro
soggetto, entro il termine di 30 giorni dalla comunicazione del provvedimento con cui viene
disposta l’ammissione/esclusione dei partecipanti;
2) se la disciplina europea in materia di diritto di difesa, di giusto processo e di effettività
sostanziale della tutela, segnatamente, gli artt. 6 e 13 della [Convenzione europea per la
salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali], l’art. 47 della Carta (…) e l’art. 1
Dir. 89/665/CEE[, paragrafi] 1 e 2 della Direttiva, osti ad una normativa nazionale, quale
l’art. 120 comma 2 bis c.p.a., che preclude all’operatore economico di far valere, a conclusione
del procedimento, anche con ricorso incidentale, l’illegittimità degli atti di ammissione degli altri
operatori, in particolare dell’aggiudicatario o del ricorrente principale, senza aver
precedentemente impugnato l’atto di ammissione nel termine suindicato».
Sulle questioni pregiudiziali
17 Ai sensi dell’articolo 99 del suo regolamento di procedura, quando la risposta a una questione
pregiudiziale può essere chiaramente desunta dalla giurisprudenza, la Corte, su proposta del giudice
relatore, sentito l’avvocato generale, può statuire in qualsiasi momento con ordinanza motivata.
18 Tale articolo deve essere applicato alla presente causa.
Sulla ricevibilità della domanda di pronuncia pregiudiziale
19 In via preliminare si deve rilevare che, come emerge dalle osservazioni presentate alla Corte, il valore
dell’appalto pubblico di cui al procedimento principale ammontava a EUR 5 684 000, vale a dire una
cifra ampiamente superiore alle soglie di cui all’articolo 4 della direttiva 2014/24.
25/2/2019 CURIA – Documenti
http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?docid=210961&text=&dir=&doclang=IT&part=1&occ=first&mode=lst&pageIndex=0&cid… 6/11
20 La direttiva 89/665 è quindi applicabile all’appalto in questione, conformemente all’articolo 46 della
direttiva 2014/23, e, pertanto, la domanda di pronuncia pregiudiziale non può essere dichiarata
irricevibile per la sola omessa indicazione, nell’ordinanza di rinvio, del valore dello stesso appalto,
contrariamente a quanto fatto valere dal governo italiano.
21 La domanda di pronuncia pregiudiziale non può essere dichiarata irricevibile neppure per il motivo
che con essa si chiederebbe alla Corte di sindacare la scelta discrezionale del legislatore italiano nel
recepimento della direttiva 89/665, come sostenuto dal CISS di Pinerolo. Infatti, le questioni poste
vertono chiaramente sull’interpretazione di varie disposizioni della direttiva citata.
22 Di conseguenza, la presente domanda di pronuncia pregiudiziale è ricevibile.
Sulla prima questione
23 Con la sua prima questione il giudice del rinvio chiede, in sostanza, se l’articolo 1, paragrafi 1 e 2,
della direttiva 89/665, letto alla luce dell’articolo 47 della Carta, debba essere interpretato nel senso
che esso osta ad una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nel procedimento principale, che
prevede che i ricorsi avverso i provvedimenti delle amministrazioni aggiudicatrici recanti ammissione
o esclusione dalla partecipazione alle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici debbano
essere proposti entro un termine di 30 giorni, a pena di decadenza, a decorrere dalla comunicazione
degli stessi agli interessati.
24 Si deve anzitutto ricordare che, ai sensi dell’articolo 2 quater della direttiva 89/665, gli Stati membri
possono stabilire termini per presentare un ricorso avverso una decisione presa da un’amministrazione
aggiudicatrice nel quadro di una procedura di aggiudicazione di un appalto disciplinata dalla direttiva
2014/24.
25 Tale disposizione prevede che il termine in parola sia di almeno dieci giorni civili a decorrere dal
giorno successivo alla data in cui la decisione dell’amministrazione aggiudicatrice è stata inviata
all’offerente o al candidato, se la spedizione è avvenuta per fax o per via elettronica, oppure, se la
spedizione è avvenuta con altri mezzi di comunicazione, di almeno quindici giorni civili a decorrere
dal giorno successivo alla data in cui la decisione dell’amministrazione aggiudicatrice è stata inviata
all’offerente o al candidato o di almeno dieci giorni civili a decorrere dal giorno successivo alla data di
ricezione della decisione dell’amministrazione aggiudicatrice. La stessa disposizione precisa inoltre
che la comunicazione della decisione dell’amministrazione aggiudicatrice ad ogni offerente o
candidato è accompagnata da una relazione sintetica dei motivi pertinenti.
26 Dallo stesso tenore letterale dell’articolo 2 quater della direttiva 89/665 si evince quindi che un
termine di 30 giorni, come quello di cui trattasi nel procedimento principale, in cui i ricorsi contro i
provvedimenti delle amministrazioni aggiudicatrici recanti ammissione o esclusione dalla
partecipazione alle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici disciplinati dalla direttiva
2014/24 devono essere proposti, a decorrere dalla loro comunicazione alle parti interessate, a pena di
decadenza è, in linea di principio, compatibile con il diritto dell’Unione, a condizione che tali
provvedimenti siano accompagnati da una relazione dei motivi pertinenti.
27 Inoltre, l’articolo 1, paragrafo 1, della direttiva 89/665 impone agli Stati membri l’obbligo di garantire
che le decisioni prese dalle amministrazioni aggiudicatrici possano essere oggetto di un ricorso efficace
e quanto più rapido possibile. Orbene, come la Corte ha già avuto modo di sottolineare, la fissazione di
termini di ricorso a pena di decadenza consente di realizzare l’obiettivo di celerità perseguito dalla
direttiva 89/665, obbligando gli operatori a contestare entro termini brevi i provvedimenti preparatori o
le decisioni intermedie adottati nell’ambito del procedimento di aggiudicazione di un appalto (v., in
tale senso, sentenza del 28 gennaio 2010, Commissione/Irlanda, C‑456/08, EU:C:2010:46, punto 60 e
giurisprudenza ivi citata).
28 La Corte ha inoltre dichiarato che la fissazione di termini di ricorso ragionevoli a pena di decadenza
risponde, in linea di principio, all’esigenza di effettività derivante dalla direttiva 89/665, in quanto
costituisce applicazione del fondamentale principio della certezza del diritto (sentenze del 12 dicembre
2002, Universale-Bau e a., C‑470/99, EU:C:2002:746, punto 76, nonché del 21 gennaio 2010,
25/2/2019 CURIA – Documenti
http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?docid=210961&text=&dir=&doclang=IT&part=1&occ=first&mode=lst&pageIndex=0&cid… 7/11
Commissione/Germania, C‑17/09, non pubblicata, EU:C:2010:33, punto 22), e che essa è compatibile
con il diritto fondamentale a un’effettiva tutela giurisdizionale (v., in tale senso, sentenza dell’11
settembre 2014, Fastweb, C‑19/13, EU:C:2014:2194, punto 58).
29 L’obiettivo di celerità perseguito dalla direttiva 89/665 deve essere tuttavia realizzato nel diritto
nazionale nel rispetto delle esigenze di certezza del diritto. Pertanto, gli Stati membri hanno l’obbligo
di istituire un sistema di termini di decadenza sufficientemente preciso, chiaro e prevedibile onde
consentire ai singoli di conoscere i loro diritti ed obblighi (v., in tale senso, sentenze del 30 maggio
1991, Commissione/Germania, C‑361/88, EU:C:1991:224, punto 24, e del 7 novembre 1996,
Commissione/Lussemburgo, C‑221/94, EU:C:1996:424, punto 22).
30 Al riguardo, nel definire le modalità procedurali dei ricorsi giurisdizionali destinati ad assicurare la
salvaguardia dei diritti conferiti dal diritto dell’Unione ai candidati ed agli offerenti lesi da decisioni
delle amministrazioni aggiudicatrici, gli Stati membri devono garantire che non sia compromessa né
l’efficacia della direttiva 89/665 né i diritti conferiti ai singoli dal diritto dell’Unione, in particolare il
diritto a un ricorso effettivo e a un giudice imparziale, sancito dall’articolo 47 della Carta (v., in tale
senso, sentenza del 15 settembre 2016, Star Storage e a., C‑439/14 e C‑488/14, EU:C:2016:688, punti
da 43 a 45).
31 L’obiettivo posto dall’articolo 1, paragrafo 1, della direttiva 89/665 di garantire l’esistenza di ricorsi
efficaci contro le violazioni delle disposizioni applicabili in materia di aggiudicazione degli appalti
pubblici può essere quindi conseguito soltanto se i termini prescritti per proporre siffatti ricorsi iniziano
a decorrere solo dalla data in cui il ricorrente abbia avuto o avrebbe dovuto avere conoscenza
dell’asserita violazione di dette disposizioni [sentenze del 28 gennaio 2010, Uniplex (UK), C‑406/08,
EU:C:2010:45, punto 32; del 12 marzo 2015, eVigilo, C‑538/13, EU:C:2015:166, punto 52, nonché
dell’8 maggio 2014, Idrodinamica Spurgo Velox e a., C‑161/13, EU:C:2014:307, punto 37].
32 Ne consegue che una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nel procedimento principale, che
prevede che i ricorsi avverso i provvedimenti delle amministrazioni aggiudicatrici recanti ammissione
o esclusione dalla partecipazione alle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici debbano
essere proposti, a pena di decadenza, entro un termine di 30 giorni a decorrere dalla loro
comunicazione agli interessati è compatibile con la direttiva 89/665 solo a condizione che i
provvedimenti in tal modo comunicati siano accompagnati da una relazione dei motivi pertinenti, tale
da garantire che i suddetti interessati siano venuti o potessero venire a conoscenza della violazione del
diritto dell’Unione dagli stessi lamentata.
33 Secondo costante giurisprudenza della Corte, infatti, l’efficacia del controllo giurisdizionale garantito
dall’articolo 47 della Carta presuppone che l’interessato possa conoscere la motivazione su cui si fonda
la decisione adottata nei suoi confronti, vuoi in base alla lettura della decisione stessa vuoi a seguito di
comunicazione della motivazione effettuata su sua richiesta, al fine di consentirgli di difendere i suoi
diritti nelle migliori condizioni possibili e di decidere, con piena cognizione di causa, se gli sia utile
adire il giudice competente, nonché per porre pienamente in grado quest’ultimo di esercitare il
controllo sulla legittimità della decisione nazionale in questione (v., in tale senso, sentenze del 15
ottobre 1987, Heylens e a., 222/86, EU:C:1987:442, punto 15, nonché del 4 giugno 2013, ZZ,
C‑300/11, EU:C:2013:363, punto 53).
34 Il giudice del rinvio osserva tuttavia che l’offerente che intenda impugnare un provvedimento di
ammissione di un concorrente deve proporre il proprio ricorso entro un termine di 30 giorni a decorrere
dalla sua comunicazione, vale a dire in un momento in cui egli spesso non è in grado di stabilire se
abbia realmente interesse ad agire, non sapendo se alla fine il suddetto concorrente sarà
l’aggiudicatario oppure se sarà egli stesso nella posizione di ottenere l’aggiudicazione.
35 Occorre rammentare, al riguardo, che l’articolo 1, paragrafo 3, della direttiva 89/665 impone agli Stati
membri di garantire che le procedure di ricorso siano accessibili, secondo modalità che gli Stati
membri possono determinare, per lo meno a chiunque abbia o abbia avuto interesse a ottenere
25/2/2019 CURIA – Documenti
http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?docid=210961&text=&dir=&doclang=IT&part=1&occ=first&mode=lst&pageIndex=0&cid… 8/11
l’aggiudicazione di un determinato appalto e sia stato o rischi di essere leso a causa di una presunta
violazione.
36 Quest’ultima disposizione è applicabile, segnatamente, alla situazione di qualunque offerente che
ritenga che un provvedimento di ammissione di un concorrente a una procedura di aggiudicazione di
un appalto pubblico sia illegittimo e rischi di cagionargli un danno, in quanto simile rischio è
sufficiente a giustificare un immediato interesse ad impugnare detto provvedimento,
indipendentemente dal pregiudizio che può inoltre derivare dall’assegnazione dell’appalto ad un altro
candidato.
37 La Corte ha comunque riconosciuto che la decisione di ammettere un offerente a una procedura
d’appalto configura un atto che, in forza dell’articolo 1, paragrafo 1, e dell’articolo 2, paragrafo 1,
lettera b), della direttiva 89/665, può costituire oggetto di ricorso giurisdizionale autonomo (v., in tale
senso, sentenza del 5 aprile 2017, Marina del Mediterráneo e a., C‑391/15, EU:C:2017:268, punti da 26
a 29 e 34).
38 Pertanto, occorre rispondere alla prima questione dichiarando che la direttiva 89/665, e in particolare i
suoi articoli 1 e 2 quater, letti alla luce dell’articolo 47 della Carta, deve essere interpretata nel senso
che essa non osta ad una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nel procedimento principale,
che prevede che i ricorsi avverso i provvedimenti delle amministrazioni aggiudicatrici recanti
ammissione o esclusione dalla partecipazione alle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici
debbano essere proposti, a pena di decadenza, entro un termine di 30 giorni a decorrere dalla loro
comunicazione agli interessati, a condizione che i provvedimenti in tal modo comunicati siano
accompagnati da una relazione dei motivi pertinenti tale da garantire che detti interessati siano venuti o
potessero venire a conoscenza della violazione del diritto dell’Unione dagli stessi lamentata.
Sulla seconda questione
39 Con la sua seconda questione, il giudice del rinvio chiede, in sostanza, se l’articolo 1, paragrafi 1 e 2,
della direttiva 89/665, letto alla luce dell’articolo 47 della Carta, debba essere interpretato nel senso
che esso osta a una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nel procedimento principale, che
prevede che, in assenza di ricorso contro i provvedimenti delle amministrazioni aggiudicatrici recanti
ammissione degli offerenti alla partecipazione alle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici
entro un termine di 30 giorni dalla loro comunicazione, agli interessati sia preclusa la facoltà di
eccepire l’illegittimità di tali provvedimenti nell’ambito di ricorsi diretti contro gli atti successivi, e in
particolare contro le decisioni di aggiudicazione.
40 Al riguardo, la Corte ha ripetutamente dichiarato che la direttiva 89/665 deve essere interpretata nel
senso che essa non osta, in linea di principio, ad una normativa nazionale che prevede che ogni ricorso
avverso una decisione dell’amministrazione aggiudicatrice debba essere proposto nel termine all’uopo
previsto e che qualsiasi irregolarità del procedimento di aggiudicazione invocata a sostegno di tale
ricorso vada sollevata nel medesimo termine a pena di decadenza talché, scaduto tale termine, non sia
più possibile impugnare detta decisione o eccepire la suddetta irregolarità, purché il termine in parola
sia ragionevole (sentenze del 12 dicembre 2002, Universale-Bau e a., C‑470/99, EU:C:2002:746, punto
79; del 27 febbraio 2003, Santex, C‑327/00, EU:C:2003:109, punto 50, nonché dell’11 ottobre 2007,
Lämmerzahl, C‑241/06, EU:C:2007:597, punto 50).
41 Tale giurisprudenza è fondata sulla considerazione secondo cui la realizzazione completa degli
obiettivi perseguiti dalla direttiva 89/665 sarebbe compromessa se ai candidati e agli offerenti fosse
consentito far valere, in qualsiasi momento del procedimento di aggiudicazione, infrazioni alle norme
di aggiudicazione degli appalti, obbligando quindi l’amministrazione aggiudicatrice a ricominciare
l’intero procedimento al fine di correggere tali infrazioni (sentenze del 12 dicembre 2002, UniversaleBau e a., C‑470/99, EU:C:2002:746, punto 75; dell’11 ottobre 2007, Lämmerzahl, C‑241/06,
EU:C:2007:597, punto 51, nonché del 28 gennaio 2010, Commissione/Irlanda, C‑456/08,
EU:C:2010:46, punto 52). Infatti, un comportamento del genere, potendo ritardare senza una ragione
obiettiva l’avvio delle procedure di ricorso che la direttiva 89/665 impone agli Stati membri di porre in
25/2/2019 CURIA – Documenti
http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?docid=210961&text=&dir=&doclang=IT&part=1&occ=first&mode=lst&pageIndex=0&cid… 9/11
essere, è tale da nuocere all’applicazione effettiva delle direttive dell’Unione in materia di
aggiudicazione degli appalti pubblici (sentenza del 12 febbraio 2004, Grossmann Air Service,
C‑230/02, EU:C:2004:93, punto 38).
42 Nel caso di specie, dalla giurisprudenza della Corte discende che la direttiva 89/665, e in modo del
tutto particolare il suo articolo 2 quater, deve essere interpretata nel senso che essa non osta, in linea di
principio, a che, in difetto di un ricorso avverso una decisione di un’amministrazione aggiudicatrice
entro il termine di 30 giorni previsto dalla normativa italiana, non sia più possibile per un offerente
eccepire l’illegittimità di tale decisione nell’ambito di un ricorso diretto contro un atto successivo.
43 Nondimeno, se norme nazionali di decadenza non risultano, di per sé, in contrasto con quanto
prescritto dall’articolo 2 quater della direttiva 89/665, non può tuttavia escludersi che, in particolari
circostanze o in considerazione di talune delle loro modalità, la loro applicazione possa pregiudicare i
diritti conferiti ai singoli dal diritto dell’Unione, segnatamente il diritto a un ricorso effettivo e a un
giudice imparziale, sancito dall’articolo 47 della Carta (v., in tale senso, sentenze del 27 febbraio 2003,
Santex, C‑327/00, EU:C:2003:109, punto 57, nonché dell’11 ottobre 2007, Lämmerzahl, C‑241/06,
EU:C:2007:597, punti 55 e 56).
44 La Corte ha infatti già avuto occasione di dichiarare che la direttiva 89/665 doveva essere interpretata
nel senso che essa osta a che norme di decadenza stabilite dal diritto nazionale siano applicate in modo
tale che l’accesso, da parte di un offerente, ad un ricorso avverso una decisione illegittima gli sia
negato, sebbene egli, sostanzialmente, non potesse essere a conoscenza di detta illegittimità se non in
un momento successivo alla scadenza del termine di decadenza (v., in tale senso, sentenze del 27
febbraio 2003, Santex, C‑327/00, EU:C:2003:109, punto 60, nonché dell’11 ottobre 2007,
Lämmerzahl, C‑241/06, EU:C:2007:597, punti da 59 a 61 e 64).
45 Va inoltre sottolineato, come ricordato al punto 31 della presente ordinanza, che la Corte ha altresì
dichiarato che ricorsi efficaci contro le violazioni delle disposizioni applicabili in materia di
aggiudicazione degli appalti pubblici possono essere unicamente garantiti qualora i termini imposti per
proporre tali ricorsi inizino a decorrere solo dalla data in cui il ricorrente abbia avuto o avrebbe dovuto
avere conoscenza della presunta violazione di dette disposizioni (v., in tale senso, sentenza del 12
marzo 2015, eVigilo, C‑538/13, EU:C:2015:166, punto 52 e giurisprudenza ivi citata).
46 Spetta pertanto al giudice del rinvio verificare se, nelle circostanze di cui al procedimento principale,
la Cooperativa Animazione Valdocco sia effettivamente venuta o sarebbe potuta venire a conoscenza,
grazie alla comunicazione da parte dell’amministrazione aggiudicatrice del provvedimento di
ammissione del raggruppamento temporaneo di imprese aggiudicatario, ai sensi dell’articolo 29 del
codice dei contratti pubblici, dei motivi di illegittimità del suddetto provvedimento dalla stessa
lamentati, vertenti sul mancato deposito di una cauzione provvisoria dell’importo richiesto e
sull’omessa dimostrazione della sussistenza dei requisiti di partecipazione, e se essa sia stata quindi
posta effettivamente in condizione di proporre un ricorso entro il termine di decadenza di 30 giorni di
cui all’articolo 120, comma 2-bis, del codice del processo amministrativo.
47 Detto giudice deve in particolare garantire che, nelle circostanze del procedimento principale,
l’applicazione combinata delle disposizioni dell’articolo 29 e dell’articolo 53, commi 2 e 3, del codice
dei contratti pubblici, che disciplinano l’accesso alla documentazione delle offerte e la sua
divulgazione, non escludesse del tutto la possibilità per la Cooperativa Animazione Valdocco di venire
effettivamente a conoscenza dell’illegittimità del provvedimento di ammissione del raggruppamento di
imprese aggiudicatario dalla stessa lamentata e di proporre un ricorso, a decorrere dal momento in cui
la medesima ne ha avuto conoscenza, entro il termine di decadenza di cui all’articolo 120, comma 2-
bis, del codice del processo amministrativo.
48 Occorre aggiungere che il giudice nazionale deve fornire alla normativa interna che è chiamato ad
applicare un’interpretazione conforme agli obiettivi della direttiva 89/665. Qualora tale interpretazione
non sia possibile, esso deve disapplicare le disposizioni nazionali contrarie a tale direttiva (v., in tale
senso, sentenza dell’11 ottobre 2007, Lämmerzahl, C‑241/06, EU:C:2007:597, punti 62 e 63), dal
25/2/2019 CURIA – Documenti
http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?docid=210961&text=&dir=&doclang=IT&part=1&occ=first&mode=lst&pageIndex=0&ci… 10/11
momento che l’articolo 1, paragrafo 1, della stessa è incondizionato e sufficientemente preciso per
essere fatto valere nei confronti di un’amministrazione aggiudicatrice (sentenze del 2 giugno 2005,
Koppensteiner, C‑15/04, EU:C:2005:345, punto 38, e dell’11 ottobre 2007, Lämmerzahl, C‑241/06,
EU:C:2007:597, punto 63).
49 Alla luce di quanto precede, occorre rispondere alla seconda questione dichiarando che la direttiva
89/665, e in particolare i suoi articoli 1 e 2 quater, letti alla luce dell’articolo 47 della Carta, deve essere
interpretata nel senso che essa non osta ad una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nel
procedimento principale, che prevede che, in mancanza di ricorso contro i provvedimenti delle
amministrazioni aggiudicatrici recanti ammissione degli offerenti alla partecipazione alle procedure di
appalto pubblico entro un termine di decadenza di 30 giorni dalla loro comunicazione, agli interessati
sia preclusa la facoltà di eccepire l’illegittimità di tali provvedimenti nell’ambito di ricorsi diretti
contro gli atti successivi, in particolare avverso le decisioni di aggiudicazione, purché tale decadenza
sia opponibile ai suddetti interessati solo a condizione che essi siano venuti o potessero venire a
conoscenza, tramite detta comunicazione, dell’illegittimità dagli stessi lamentata.
Sulle spese
50 Nei confronti delle parti nel procedimento principale la presente causa costituisce un incidente
sollevato dinanzi al giudice nazionale, cui spetta quindi statuire sulle spese.
Per questi motivi, la Corte (Ottava Sezione) dichiara:
1) La direttiva 89/665/CEE del Consiglio, del 21 dicembre 1989, che coordina le disposizioni
legislative, regolamentari e amministrative relative all’applicazione delle procedure di
ricorso in materia di aggiudicazione degli appalti pubblici di forniture e di lavori, come
modificata dalla direttiva 2014/23/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26
febbraio 2014, e in particolare i suoi articoli 1 e 2 quater, letti alla luce dell’articolo 47 della
Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, deve essere interpretata nel senso che
essa non osta ad una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nel procedimento
principale, che prevede che i ricorsi avverso i provvedimenti delle amministrazioni
aggiudicatrici recanti ammissione o esclusione dalla partecipazione alle procedure di
aggiudicazione degli appalti pubblici debbano essere proposti, a pena di decadenza, entro
un termine di 30 giorni a decorrere dalla loro comunicazione agli interessati, a condizione
che i provvedimenti in tal modo comunicati siano accompagnati da una relazione dei motivi
pertinenti tale da garantire che detti interessati siano venuti o potessero venire a
conoscenza della violazione del diritto dell’Unione dagli stessi lamentata.
2) La direttiva 89/665, come modificata dalla direttiva 2014/23, e in particolare i suoi articoli 1
e 2 quater, letti alla luce dell’articolo 47 della Cartadei diritti fondamentali dell’Unione
europea, deve essere interpretata nel senso che essa non osta ad una normativa nazionale,
come quella di cui trattasi nel procedimento principale, che prevede che, in mancanza di
ricorso contro i provvedimenti delle amministrazioni aggiudicatrici recanti ammissione
degli offerenti alla partecipazione alle procedure di appalto pubblico entro un termine di
decadenza di 30 giorni dalla loro comunicazione, agli interessati sia preclusa la facoltà di
eccepire l’illegittimità di tali provvedimenti nell’ambito di ricorsi diretti contro gli atti
successivi, in particolare avverso le decisioni di aggiudicazione, purché tale decadenza sia
opponibile ai suddetti interessati solo a condizione che essi siano venuti o potessero venire a
conoscenza, tramite detta comunicazione, dell’illegittimità dagli stessi lamentata.
Lussemburgo, 14 febbraio 2019
Il cancelliere Il presidente della Quarta
Sezione
25/2/2019 CURIA – Documenti
http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?docid=210961&text=&dir=&doclang=IT&part=1&occ=first&mode=lst&pageIndex=0&ci… 11/11
A. Calot Escobar M. Vilaras
* Lingua processuale: l’italiano.

Ti potrebbe interessare:
prova